contattaci

Cartografia

Carte escursionistiche, carte stradali e atlanti, cartografia d'Italia e di tutto il mondo. Carte dei sentieri, cartografia per il cicloturismo e mountain bike

Montagna

Guide alpinistiche, guide escursionistiche, manuali tecnici per l'alpinismo estivo ed invernale. Letteratura e filmografia di montagna

Nautica

Manuali nautici, cartografia nautica, libri e letteratura per la barca a vela e motore

Viaggi

Guide turistiche per viaggi e letteratura di viaggio per l'Italia, l'Europa e tutto il Mondo

Militaria

Raccolta delle migliori pubblicazioni (libri e dvd) sulla guerra in montagna sulle Alpi e sul resto d'Italia e d'Europa
ricerca avanzata
indietro
-5%
spedizione gratuita

Grande Guerra sul Montello

Sul "Carso Verde" l'ala infranta di Baracca

Un rilievo modesto, appena 368 metri la quota massima, una lunga e bassa collina, ricca di fenomeni carsici, che per alcuni chilometri segue un’ampia ansa del Piave, in riva destra. Pochi forse avrebbero immaginato che il Montello, altura quasi insignificante nella piana trevigiana, avrebbe giocato un ruolo così rilevante per le sorti della guerra. Il Cadorna però già nel 1916 l’aveva individuata come pietra angolare nell’eventuale linea di estrema difesa, Altopiano dei 7 Comuni – Grappa – Piave. E quell’eventualità dopo la rotta di Caporetto, diviene terribile realtà. Gli scontri sanguinosi tra austroungarici e italiani e alleati, nel giugno del ’18, culmine della “battaglia del solstizio”, lasciano sul campo quasi ventimila morti. Quell’altura insignificante è diventata uno spaventoso campo di mattanza. Che quattro mesi dopo l’esercito italiano trasforma nel trampolino di lancio per l’offensiva decisiva di Vittorio Veneto con cui si metterà fine alla tragedia europea della guerra nello scacchiere di sud ovest.
 

aggiungi alla lista dei desideri
€ 19.95
invece di € 21.00
quantità
- 1 +
spedizione :: Italia
Spedizione compresa € 0.00
disponibilità
spedito entro 24/48 ore
Aggiungi al carrello