it
wishlist
login
mail

contattaci

Cartografia

Carte escursionistiche, carte stradali e atlanti, cartografia d'Italia e di tutto il mondo. Carte dei sentieri, cartografia per il cicloturismo e mountain bike

Montagna

Guide alpinistiche, guide escursionistiche, manuali tecnici per l'alpinismo estivo ed invernale. Letteratura e filmografia di montagna

Mare

Manuali nautici, cartografia nautica, libri e letteratura per la barca a vela e motore

Viaggi

Guide turistiche per viaggi e letteratura di viaggio per l'Italia, l'Europa e tutto il Mondo

Militaria

Raccolta delle migliori pubblicazioni (libri e dvd) sulla guerra in montagna sulle Alpi e sul resto d'Italia e d'Europa
ricerca avanzata ricerca avanzata
indietro
-5%
Carte del mondo
Priuli & Verlucca | Antica cartografia | Michael Swift | Scarmagno | 2015 | pagine 256 | 42 x 29,7

Carte del mondo

Con più di 200 carte a colori

Fin dalle origini l’uomo ha disegnato carte nel tentativo di rappresentare il mondo. I mappa mundi medievali, con la raffigurazione di Gerusalemme al centro, erano a un tempo immagini dell’ecumene e testimonianze di fede. L’impulso alla cartografia spesso proveniva dai naviganti. La storia attesta, infatti, che gran parte dei traffici mercantili seguivano le vie del mare, e le fragili navi del tempo richiedevano carte che indicassero la direzione. Era necessario conoscere porti sicuri, rotte percorribili, fondali attendibili, ostacoli alla navigazione e così via. Un’ulteriore importante valenza della cartografia discendeva dall’esigenza di definire con chiarezza le terre scoperte attraverso la rappresentazione topografica, per poterne affermare il possesso. A piccola scala, le carte illustrano la distribuzione del territorio tra le varie nazioni, in particolare per effetto di insediamenti conseguenti a una guerra oppure a conflitti tra conquistatori e indigeni. A livello locale, le mappe possono attestare la proprietà di piccole frazioni di territorio come " molto più chiaramente che altrove " testimoniano gli avvenimenti nel Nuovo Mondo. I monarchi europei concedevano la proprietà di vaste estensioni di terra ai propri emissari affinché fondassero colonie. I confini, per quanto a volte suggeriti da elementi morfologici prominenti (per esempio grandi fiumi), il più delle volte erano arbitrari. Tali emissari successivamente suddividevano il territorio tra i coloni. In assenza di criteri codificati, la mappatura precisa delle proprietà fondiarie costituiva un grave problema. E così, dal possesso derivò il conflitto. Su alcune delle carte qui riprodotte compaiono fortificazioni, alcune già realizzate, altre ancora allo stadio di progetto. I militari erano tra i cartografi più prolifici, perché dotati della capacità e dei mezzi necessari per effettuare i rilievi geo-topografici. Questo libro " con oltre duecento carte del mondo, dalle più remote fino alla produzione tardo-ottocentesca " intende esemplificare l’evoluzione della cartografia e delle arti ad essa associate, per illustrare il rapporto dell’uomo con la superficie della Terra.

 

aggiungi alla lista dei desideri
€ 42.75
invece di € 45.00
quantità
- 1 +
spedizione :: Italia
Corriere espresso € 5.50
disponibilità
mediamente spedito in 5/10 giorni
Aggiungi al carrello