contact us

Cartography

Hiking maps, maps and atlases, cartography around the world. Maps of the trails, cartography for cyclotourism and mountain biking

Mountain

Alpine guides, hiking guides, technical manuals for summer and winter mountaineering. Mountain literature and filmography

Navigation

Nautical manuals, nautical cartography, books and literature for sailboat and motor

Travels

Travel guides and travel literature for Italy, Europe and the rest of the world

Military

Collection of the best publications (books and DVDs) on the mountain war on the Alps and the rest of Italy and Europe
advanced search
back
-5%

342 ore sulle Grandes Jorasses

La prima invernale della direttissima alla Punta Walker

IL LIBRO:
Massiccio del Monte Bianco, 11 febbraio 1971: il grande René Desmaison tenta la direttissima della Punta Walker sulle Grandes Jorasses insieme al giovane compagno, Serge Gousseault. La scelta è dovuta la fatto che la meta di partenza, lo Sperone Centrale, è già occupato da un’altra cordata partita un giorno prima. Di fronte si trovano 1200 metri di granito e ghiaccio strapiombanti e soggetti a continue scariche di neve e sassi. La salita è più dura del previsto e i due devono bivaccare più volte. Fino al 17 il tempo regge, ma poi si mette al brutto. Ormai sono a 200 metri dalla vetta, l’unica possibilità è arrivare in cima, ma i collegamenti col fondovalle e i familiari si sono interrotti, i viveri scarseggiano e Serge Gousseault tradisce i primi segni di sfinimento. Tornare indietro non è più possibile, non resta che proseguire, uscire dalla parete: è l’inizio della fine, i bivacchi si susseguono fino all’ultimo, a 80 metri dalla meta. Gousseault non riesce più a muoversi, e Desmaison, che ancora "non per molto" avrebbe energia sufficiente per arrivare in cima, decide di restare con il suo compagno di cordata che, infine, soccombe. Ormai a Desmaison non resta che attendere l’elicottero dei soccorsi che arriverà solo il 25 febbraio, dopo 342 ore, più di due settimane in parete.

UN BRANO:

"Non si può lasciare Serge in quello stato: devo andare a cercare aiuto. Andare incontro a quelli che, forse in questo momento, stanno salendo dal versante sud. Devo scendere a valle per radunare gli amici: venite ad aiutarmi, Serge sta morendo. Da solo, con gli ultimi chiodi, cinque o sei, e recuperando quelli che ho piantato tre metri sotto, potrei salire in vetta, forse ancora prima di notte, e cominciare la discesa. Entro domani sera, potrei essere giù, a valle, e ripartire subito con una colonna di soccorso. A meno che non stiano già sa-endo... Quanto gli ci vorrà? Serge non ce la farà. E allora? Devo salvare la pelle fin che sono in tempo. Fuggire da questo posto, tornare verso la vita, verso Simone, verso lo «Chòrten ». No! La legge della cordata è o tutti o nessuno. Non si lascia morire da solo il proprio compagno. Non è neppur più una faccenda di cordata o di etica della guida, è un semplice fatto umano. Serge ha bisogno di me. È solo a lottare contro il freddo e il vento, solo e senza difese. Devo proteggerlo, aiutarlo a tener duro ancora. Ancora... Fino a quando, mio Dio?"
 

add to wish list
€ 17.10
instead of € 18.00
quantity
- 1 +
ship to :: Italia
Corriere espresso € 5.50
availability
usually shipped within 5/10 days
add to cart