en
wishlist
login
mail

contact us

Cartography

Hiking maps, maps and atlases, cartography around the world. Maps of the trails, cartography for cyclotourism and mountain biking

Mountain

Alpine guides, hiking guides, technical manuals for summer and winter mountaineering. Mountain literature and filmography

Sea

Nautical manuals, nautical cartography, books and literature for sailboat and motor

Travels

Travel guides and travel literature for Italy, Europe and the rest of the world

Military

Collection of the best publications (books and DVDs) on the mountain war on the Alps and the rest of Italy and Europe
advanced search ricerca avanzata
back
-5%
Disneyalp riflessioni di un etnografo conservatore museale alpino
Priuli & Verlucca | Paradigma | Bernard Crettaz | Scarmagno | 2011 | 56 pagine

Disneyalp riflessioni di un etnografo conservatore museale alpino

… che cos’è realmente il disneyland alpino, è l’indifferenza o il suo saggio contrario? Credo che il disneyland alpino sia entrambe le cose. Riunisce l’indifferenza della montagna folle, ultima espressione delle Alpi come terreno di gioco, e la parte esemplare delle Alpi misurate, equilibrate che assomigliano alle immagini della « montagna di sempre ». E ciò che favorisce l’integrazione delle Alpi lacerate, di quelle ipersviluppate e di quelle tradizionali è l’arrivo recente di numerosi partner alpini: gli ecologisti e la gente del posto della nuova generazione. I primi portano con sé, dall’esterno, l’immaginario della montagna e del turismo soft. I secondi, figli dei sostenitori dello sviluppo, hanno ripreso questa immagine e la rivendicano non solo per i turisti, ma soprattutto per loro stessi. E tutto questo nel momento in cui gli uni e gli altri risalgono verso un’alta montagna media: i mayens e gli alpeggi che domani saranno le riserve ecologico-locali del grande disneyland.

Ancora una domanda, prima di evocare il futuro. Perché aver chiamato disneyland alpino questo mondo d’ora in poi promesso, inseparabilmente, ai turisti affamati, ai conquistatori sostenitori dello sviluppo, ai dolci ecologisti e ai neo ambientalisti del posto?
Sì, perché averlo denominato disneyland? L’ho fatto per due ragioni: il termine disneyland ha acquisito un significato comune, che designa un mondo idilliaco voluto così. In questo senso, una parte propria del mondo alpino è ben racchiusa in questa vasta definizione, ma c’è di più. In senso stretto, il disneyland implica i seguenti elementi: un parco, una tecnologia avanzata, un idillio ricostruito, il consumo commerciale. Mi pare si possa ammettere che oggi una gran parte delle Alpi rientri in questa rigida definizione.
 
sommario:
Disneyalp
 
L’invocazione dei morti
Professione: creatore di Disneyland
 
POSTFAZIONE
Le rovine di Disneyland. 
Leggere Marc Augé per interpretare Bernard Crettaz 
Valentina Porcellana
add to wish list
€ 9.41
instead of € 9.90
quantity
- 1 +
ship to :: Italia
Corriere espresso € 5.50
availability
usually shipped within 5/10 days
add to cart