en
wishlist
login
mail

contact us

Cartography

Hiking maps, maps and atlases, cartography around the world. Maps of the trails, cartography for cyclotourism and mountain biking

Mountain

Alpine guides, hiking guides, technical manuals for summer and winter mountaineering. Mountain literature and filmography

Sea

Nautical manuals, nautical cartography, books and literature for sailboat and motor

Travels

Travel guides and travel literature for Italy, Europe and the rest of the world

Military

Collection of the best publications (books and DVDs) on the mountain war on the Alps and the rest of Italy and Europe
advanced search ricerca avanzata
back
-5%
Carte del mondo
Priuli & Verlucca | Antica cartografia | Michael Swift | Scarmagno | 2015 | pagine 256 | 42 x 29,7

Carte del mondo

Con più di 200 carte a colori

Fin dalle origini l’uomo ha disegnato carte nel tentativo di rappresentare il mondo. I mappa mundi medievali, con la raffigurazione di Gerusalemme al centro, erano a un tempo immagini dell’ecumene e testimonianze di fede. L’impulso alla cartografia spesso proveniva dai naviganti. La storia attesta, infatti, che gran parte dei traffici mercantili seguivano le vie del mare, e le fragili navi del tempo richiedevano carte che indicassero la direzione. Era necessario conoscere porti sicuri, rotte percorribili, fondali attendibili, ostacoli alla navigazione e così via. Un’ulteriore importante valenza della cartografia discendeva dall’esigenza di definire con chiarezza le terre scoperte attraverso la rappresentazione topografica, per poterne affermare il possesso. A piccola scala, le carte illustrano la distribuzione del territorio tra le varie nazioni, in particolare per effetto di insediamenti conseguenti a una guerra oppure a conflitti tra conquistatori e indigeni. A livello locale, le mappe possono attestare la proprietà di piccole frazioni di territorio come " molto più chiaramente che altrove " testimoniano gli avvenimenti nel Nuovo Mondo. I monarchi europei concedevano la proprietà di vaste estensioni di terra ai propri emissari affinché fondassero colonie. I confini, per quanto a volte suggeriti da elementi morfologici prominenti (per esempio grandi fiumi), il più delle volte erano arbitrari. Tali emissari successivamente suddividevano il territorio tra i coloni. In assenza di criteri codificati, la mappatura precisa delle proprietà fondiarie costituiva un grave problema. E così, dal possesso derivò il conflitto. Su alcune delle carte qui riprodotte compaiono fortificazioni, alcune già realizzate, altre ancora allo stadio di progetto. I militari erano tra i cartografi più prolifici, perché dotati della capacità e dei mezzi necessari per effettuare i rilievi geo-topografici. Questo libro " con oltre duecento carte del mondo, dalle più remote fino alla produzione tardo-ottocentesca " intende esemplificare l’evoluzione della cartografia e delle arti ad essa associate, per illustrare il rapporto dell’uomo con la superficie della Terra.

 

add to wish list
€ 42.75
instead of € 45.00
quantity
- 1 +
ship to :: Italia
Corriere espresso € 5.50
availability
usually shipped within 5/10 days
add to cart